PARMORIZZAZIONE

Filiera del Parmigiano Reggiano: valorizzazione dei sottoprodotti a scarti zero

 Domanda di sostegno n. 5015702
 Il progetto ha come obiettivo l’integrazione di due processi innovativi per il trattamento e la valorizzazione dei reflui semiliquidi provenienti dalla digestione anaerobica di biomasse (“digestato”), in area di produzione del Parmigiano Reggiano, al fine di convertirli in un fertilizzante in grado di migliorare la struttura del suolo, produrre energia e prodotti alimentari con proprietà salutistiche.
Più specificatamente, l’uso integrato dei due prototipi consentirà l’estrazione dalla parte solida del digestato di:
– un concime costituito da Sali di ammonio e un ammendante non contaminato in grado di dare un apporto nutritivo e benefici strutturali: migliorando la fertilità del suolo aumentandone la ritenzione idrica e di nutrienti, in particolare calcio, potassio e fosforo.
– un combustibile: il syngas.
– dei polifenoli, biomolecole ad alto valore aggiunto,  con una azione antiossidante e proteggetrice delle cellule dai danni causati dai radicali liberi, utilizzabili dall’industria alimentare.
Durata del progetto: 28 mesi (da 01/04/2017 a 31/07/2019)
Partners del progetto:
– Azienda Agraria Sperimentale Stuard scrl
– Università Cattolica del Sacro Cuore
– Centro di Formazione, Sperimentazione e Innovazione “Vittorio Tadini”
– Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari
– Az. Begani Gian Paolo (PR)
– Az. Porta Camillo (Tizzano PR)