Quinovation

La Quinoa: una coltura alternativa, redditizia e sostenibile, per la produzione di sfarinati gluten-free a basso indice glicemico.

Questo è un progetto finanziato dalla Misura 16.1. 01 del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna. Focus area: 2A. Aumento della competitività delle aziende agricole.

La Quinoa (Chenopodium quinoa Willd.), coltura tradizionale andina, nel 2013 – «Anno Internazionale della Quinoa» – è stata dichiarata dall’ONU “coltura utile all’umanità al fine di risolvere i gravi problemi di malnutrizione nel mondo”.

È una pianta erbacea annuale, con basse esigenze idriche, che si adatta a situazioni pedoclimatiche molto diverse; cresce anche in ambienti marginali e richiede bassi input.

I semi prodotti, particolarmente ricchi in amido e in proteine, presentano un basso o nullo tenore in glutine; le proprietà nutritive rendono la Quinoa particolarmente indicata per la dieta delle persone affette da celiachia o che necessitano di alimenti a basso indice glicemico.

Nell’ambito della ricerca di colture alternative e di alimenti ad alto valore nutrizionale, al fine di rispondere alle esigenze alimentare della popolazione, è stato presentato questo progetto che si propone di: 1) verificare l’adattabilità colturale agli ambienti emiliano romagnoli dei genotipi di Quinoa; 2) trovare la tecnica colturale più adeguata per l’agrosistema italiano, in particolare determinare la corretta densità di semina e il sesto di impianto più opportuno; 3) verificare le caratteristiche chimiche, nutrizionali e funzionali della Quinoa; 4) favorire lo sviluppo di processi e prodotti di trasformazione di derivati della Quinoa.

Vedi dettagli nell’allegato.

riassunto-per-sito-stuard-quinovation-1.pdf