VINDICTA

Strategie tecnologiche preventive e tecniche di difesa biologica per il contrasto alla cimice asiatica

VINDICTA è un progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, misura 16.1.01 “Gruppi operativi del partenariato europeo per la produttività e la sostenibilità in agricoltura”, Focus Area 4B. Il Gruppo Operativo del progetto biennale è composto da Azienda Agraria Sperimentale Stuard, Cooperativa Arvaia, Impresa Agricola Magli Tonino, Impresa Agricola Toderici Lilia, Società Agricola Bindon di Panzavolta Fabio, Impresa Innocenti Oddo, Società Praconi di Giovanni e C. S.s., Società Agricola Santerini Aldo e Annunzio Snc di Santerini Annunzio e C., F.lli Ognibene S.s. Società Agricola, Open Fields Srl e la Fondazione Edmund Mach (FEM). Collabora al progetto la ditta Riff98.

L’obiettivo del progetto è quello di individuare strategie efficaci per il contenimento della cimice asiatica (Halyomorpha halys), ampliare lo stato di conoscenza dell’insetto e delle sue dinamiche ecologiche al fine di mettere a sistema le informazioni che verranno raccolte per formulare possibili scenari/ modelli predittivi sulla gestione e contrasto della cimice asiatica in Emilia-Romagna.

Questo obiettivo verrà perseguito attraverso due principali linee di intervento: da un lato si monitorerà il grado di diffusione spazio-temporale dell’insetto, sia mediante monitoraggi tradizionali sia attraverso l’utilizzo ed il collaudo di nuove tecnologie ed applicativi; dall’altra parte verranno testate azioni di contrasto con tecniche di agricoltura biologica attraverso l’impiego del suo antagonista naturale.

Il piano integrato prevede quindi:

  • l’affinamento delle azioni di monitoraggio convenzionale che verranno integrate con nuovi sistemi elettronici che utilizzano principi di biometrica e remote sensing e moderni applicativi di “citizen science”;
  • la valutazione dell’efficacia di nuovi sistemi di cattura basati sui principi della biotremologia;
  • l’implementazione di interventi connessi alla valorizzazione di pratiche di agrobiodiversità per favorire la resistenza e resilienza dell’agroecosistema;
  • la messa a punto e l’utilizzo di strumenti o modelli previsionali e sviluppo di DSS;
  • l’implementazione di metodi di lotta biologica con lanci dell’antagonista esotico Trissolcus japonicus;

Si analizzerà e si valuterà anche la sostenibilità economica di queste tecnologie/pratiche, che verranno divulgate e fatte conoscere in maniera approfondita alle aziende agricole interessate.

Sono attesi i seguenti risultati:

analisi della situazione aziendale ed analisi degli interventi realizzati grazie al monitoraggio convenzionale a cui verranno integrati nuovi sistemi elettronici che impiegano principi di biometrica e remote sensing ed applicazioni di “citizen scienze”; e grazie a nuovi sistemi di cattura basati sulla biotremologia;

analisi delle coltivazioni e degli habitat del contesto territoriale aziendale, compresa la fenologia delle principali fioriture, implementazione di fasce fiorite perenni, analisi e modellazione della dispersione dell’antagonista e survey fotografici;

– messa a punto di strumenti e modelli previsionali;

contenimento della sua popolazione mediante lanci dell’antagonista esotico Trissolcus japonicus ed analisi della sua permanenza nell’ambiente;

sensibilizzazione degli agricoltori, e, più in generale, di tutti i cittadini, in materia di tutela dell’ambiente, attraverso le azioni di divulgazione e formazione.

 

Il progetto include l’attività di consulenza per le aziende agricole secondo la Misura 2 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna.

SCOPRI DI PIU’! VISITA IL SITO INTERNET www.psrvindicta.it

COORDINATORE: Roberto Reggiani, Azienda Agraria Sperimentale Stuard

RESPONSABILE TECNICO-SCIENTIFICO: Gianfranco Anfora, Fondazione Edmund Mach (FEM)

DURATA: 08/2020 – 07/2022

BUDGET: 327.117,59 euro

Progetto realizzato con il supporto di: